Eccellenza
domenica 7 ottobre 2018
A reti inviolate con il Lavis

Non si schioda dal 0-0 iniziale l’atteso match tra Usd Dro Alto Garda Calcio e Lavis, con i droati a lungo padroni della manovra ma incapaci di sfruttare nella ripersa la superiorità numerica, mentre Ballarini fallisce il rigore forse decisivo.

Formazioni confermate per i due mister Manfioletti e Bandera (tre fortunate stagioni alla guida della squadra droata, ed in passato allenato da Manfioletti nell’Arco), con le due squadre che si temono e si coprono nei primi minuti. Al 5’ è lo scattante Gorla a liberarsi sulla fascia, ma la sua conclusione dal limite con impensierisce il portiere di casa Carletti. Sul fronte opposto è Brusco a scambiare in velocità con Ballarini, ma la conclusione della punta veneto-argentina non sorprende un attento Jacopo Bertè (classe 1999 figlio d’arte di Chizzola d’Ala).

Al 18’ il Dro Alto Garda ci prova con due punizioni dal limite, ma in entrambi i casi la difesa ospite allontana i tiri di Nervo. Al 20’ solo un fallo a centrocampo di Badu (nell’occasione viene ammonito), ferma una veloce ripartenza del Lavis, mentre subito dopo è Nervo a provare la girata in area, togliendo però la palla ad un meglio appostato Ballarini. Nel finale la squadra droata prova ad accelerare, ma prima Brusco di testa quindi Pancheri, ben servito da Gattamelata, non trovano lo spiraglio giusto sul secondo palo.

Se il primo tempo non offre altre emozioni la ripresa si apre a ritmi bassi (complice anche il caldo pomeriggio di Oltra), con le due squadre che si annullano a centrocampo. L’episodio che può cambiare il volto alla partita succede al 9’ quando il giovane difensore Tomaselli (classe 2000) commette fallo in area su Nervo, concede il rigore ai droati e viene espulso dal direttore di gara (una decisione dubbia ed affrettata). Sul dischetto si porta Franco Ballarini il cui tiro, centrale e a mezz’altezza, viene deviato ed intercettato con un gran colpo di reni dall’estremo Bertè, che mantiene inviolata la sua porta.

Il Dro Alto Garda prova a sfruttare la superiorità numerica, ma la velocità e la precisione non è quella del primo tempo, e al 12’ il tiro di Pasini si perde in angolo. Al 15’ è invece Loyola direttamente dalla bandierina ad inventarsi una parabola che rischia di insaccarsi all’altezza del secondo palo.

Al 24’ è tempo di cambi anche per il mister droato Manfioletti che inserisce prima Garcia e quindi Grossi (nel finale entrerà anche Calcari). Subito dopo ci prova Conci ma il tiro dal limite sfiora solamente il palo più lontano.

Nel finale l’Usd Dro Alto Garda Calcio prova il tutto per tutto ma i tiri di Brusco e Badu non spaventano l’estremo lavisano Bertè, mentre al 44’ è Nervo a sfiorare la parte alta della traversa. Nonostante 5 minuti di recupero, ed un estremo tentativo di Garcia controllato da Bertè, il punteggio non cambia dallo 0 a 0 iniziale.

Con una partita ordinata e generosa il Lavis mantiene la sua imbattibilità, il vertice della classifica e tre punti di vantaggio su Dro Alto Garda e San Martino. Droati che torneranno in campo mercoledì ad Oltra nel ritorno di Coppa Italia contro l’Arco (1-0 all’andata), con la rivincita prevista domenica prossima in via Pomerio nell’atteso derby della Busa.



TABELLINO



DRO ALTO GARDA – LAVIS 0-0

DRO ALTO GARDA: Carletti, Dallavalle, Pasini (38’ st Grossi), Badu, Ischia, Tavernini, Brusco (44’ st Calcari), Pancheri, Ballarini, Nervo, Gattamelata (24’ st Garcia). All. Manfioletti

LAVIS: Bertè, Tomaselli, Sebastiani, Marchi, Gretter, Coppi, Raffaelli, Loyola (45’ st Dsiri), Conci (42’ st Barzan), Donati (16’ st Caldato), Gorla (27’ st Sielli). All. Bandera

ARBITRO: Kovacevic di Arco-Riva (Mehilli – Scardino)

NOTE: Espulsi: 9’ st Tomaselli (L), 18’ st Bandera (L), Ammoniti: Badu, Nervo, Garcia. Angoli 6-1. Recupero 2’-5’. Al 10’ st Ballarini sbaglia il rigore. Spettatori 130.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 1,094 sec.

Cerca

Inserire almeno 4 caratteri