Varie
mercoledì 20 maggio 2015
Linea (giallo)verde, il punto sul settore giovanile / 18

a cura di Gigi Bonetti

Siamo alle battute finali dell'attività del settore giovanile dell'Us Dro, ci sembra opportuno fare un punto della situazione, mettendo in mostra lati positivi e negativi dai quali ripartire per poter fare quel salto di qualità in cui la dirigenza droata crede fortemente.

Juniores Nazionale. Come si sapeva è stato un campionato difficile, la difficoltà di allestire una squadra competitiva è palese, l'impegno necessario per questa categoria non sempre è sostenibile, anche il collegamento con gli under che sono in rosa prima squadra spesso è difficoltoso, le trasferte che obbligano i giocatori a disertare la scuola sono tra le problematiche di questa categoria Da questo punto di vista meritano un grande plauso sia mister Michele Pettinari sia il team manager Francesco Cosentino per aver gestito pazientemente la situazione, e consegnando alla prima squadra dei giocatori che possono essere integrati rapidamente. Sono diversi quelli che sono stati convocati da mister Stefano Manfioletti e per due di loro (Riccardo Pellegrini e Lulzim Hoxha) la soddisfazione del debutto in Serie D.

Allievi. Da queste colonne abbiamo lanciato un sacco di provocazioni al solo scopo di sollecitare questi ragazzi affinché mettano un pizzico di voglia in più, visto che stiamo parlando di giovani che potrebbero sicuramente dire la loro in categoria, con la strada spianata alla prossima stagione juniores. La nostra speranza appare molto fragile, senza risposta, troppi alti e bassi, poca serietà e poco impegno e aggiungiamo poco rispetto del gruppo. Non abbiamo neppur sfiorato i risultati che in questi casi vanno in secondo piano, ma certi concetti vanno forse rivisti... È il nostro messaggio che affidiamo alla categoria allievi per le vacanze estive... Grazie

Giovanissimi. Sul piano dei risultati è stata la squadra che ci ha dato più soddisfazioni, girone di ritorno con una sola sconfitta contro la Ledrense, quinto posto in solitario in classifica, quasi duplicato i punti del girone d'andata. Chiamata a rappresentare il basso trentino al Torneo Ugo Bortolotti organizzato dalla Virtus Trento contro le squadre
più rappresentative del Trentino, la compagine di Claudio Cominelli e Andrea Rigotti sì è ben comportata classificandosi al quinto posto. Ora si chiude la stagione con una serie di amichevoli con delle squadre che partecipano al campionato élite per tastare il polso in questo campionato che potrebbe essere il sogno della prossima stagione.

Pulcini. La squadra di Sabrina Chemolli è praticamente imbattuta in questa stagione primaverile, solo un pareggio e poi tutte vittorie a conseguire il buon lavoro del gruppo: eravamo convinti di questo e crediamo che il lavoro invernale abbia dato i suoi frutti. Nel fine settimana i ragazzini di Chemolli partecipano ad un torneo a Trento nell'ambito del gemellaggio del comune di Trento con una formazione tedesca (Kempten), con la partecipazione di squadre blasonate come Trento, Suedtirol, Virtus Trento, Calisio, Invicta.

Primi calci. Per questa categoria, non avendo vere e proprie partite disputate, il nostro giudizio va solo rivolto al lavoro dello staff e all'entusiasmo che si respira al campo oratoriale di Dro, al giudizio dei genitori che riportano gli umori dei loro figli. Mister Michele Ischia ha portato i piccoli gialloverdi ad Arco per un confronto con i pari età contro i locali, una partita molto bella e avvincente che ha fatto capire a tutti noi il lavoro utile svolto dal team composto dal capitano del Dro di Serie D affiancato da Riccardo Serrano e Luca Bertoldi, ai quali va il nostro sentito ringraziamento.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,734 sec.

Cerca

Inserire almeno 4 caratteri